Un finale di successo per il progetto DOGGIES

La sicurezza delle frontiere è una delle sfide principali che l’Europa di oggi si trova a dover affrontare. L’individuazione tempestiva di persone nascoste e sostanze illegali è alla base del contrasto ai fenomeni del terrorismo, del traffico d’esseri umani e del contrabbando.
Nasce da questi presupposti il bando Sicurezza che la Comunità Europea lancia per la prima volta tra 2012 e 2013 sul tema “artificial sniffers”. Il nostro Gruppo raccoglie la sfida e assieme ad altri centri di eccellenza europea nasce il progetto DOGGIES .

Mettendo insieme due diversi approcci tecnologici di analisi gas, il sistema di ispezione portatile, viene incontro alla crescente richiesta da parte degli enti di sicurezza nazionali e internazionali di dispositivi automatici a supporto delle attività in campo degli agenti preposti al controllo.

Il progetto, che si è chiuso con successo a fine Gennaio, ha raccolto l’interesse dei valutatori che si sono proposti di segnalare l’applicazione per iniziative di Fase 2 o di Pre-Commercial-Procurement.

Facebook Twitter Plusone Linkedin Email